Gli allevamenti intensivi

 
I giovani vitelli sono per loro natura giocherelloni mentre nei piccoli box sono obbligati all'immobilità, e non possono nemmeno leccarsi e lavarsi il pelo. A sei mesi vengono inviati al macello.

I giovani vitelli sono per loro natura giocherelloni mentre nei piccoli box sono obbligati all’immobilità, e non possono nemmeno leccarsi e lavarsi il pelo. A sei mesi vengono inviati al macello.

A pagare il costo degli allevamenti intensivi sono innanzi tutto gli animali allevati, ai quali sono imposte situazioni di estrema sofferenza. Negli attuali allevamenti industrializzati, miliardi di animali destinati al macello sono costretti a vivere incatenati o chiusi in gabbie sovraffollate, incompatibili con le loro esigenze fisiologiche, privati della minima libertà di movimento e nella pratica di istinti affettivi e sessuali, mutilati, sottoposti a costanti terapie antibiotiche ed ormonali (sia per prevenire l’esplosione di epidemie che per velocizzare la loro crescita), ad un’illuminazione ininterrotta che impedisce loro di dormire, nutriti con alimenti chimici e innaturali (fino ai casi delle mucche costrette al cannibalismo), costretti a respirare un’aria insalubre, satura di anidride carbonica, idrogeno solforato, vapori ammoniacali, polveri varie e povera d’ossigeno.

Gli animali sfruttati in questo modo, oltre a manifestare gravi patologie organiche e psicologiche (galline che si uccidono beccandosi fra loro, cannibalismo della madre verso i piccoli fra i conigli, suini che si divorano la coda), subiscono menomazioni e manipolazioni genetiche.

maiali

Alla fine del ciclo di ingrasso, i vitelli sono pesanti ben oltre i limiti naturali. Non essendo abituati a camminare, a causa della lunga immobilità, rischiano di scivolare rompendosi le gambe e procurando un danno commerciale. Per questo motivo, durante il trasporto verso il macello, le loro zampe posteriori vengono legate l’una all’altra.

Si tenta a volte di arginare l’aggressività degli animali, ad esempio dei maiali, mettendo dei “giocattoli” all’interno dei box, come vecchi copertoni, sui quali gli animali si possono sfogare. Così, anziché rimuovere la causa di stress si “cura” solo il sintomo, l’aggressività.

conigli

Il valore commerciale dei conigli è troppo basso per preoccuparsi minimamente del loro benessere, se qualcuno muore non è un gran danno.

Le pecore sono, per ora, le uniche a vivere per lo più all’aperto, ma sono tosate in maniera brutale in pieno inverno, e sono costrette a sopportare i rigori dell’inverno senza la protezione naturale del loro mantello.

Gli agnellini maschi sono uccisi a poche settimane di vita, specialmente in occasione delle festività pasquali. Inoltre, le pecore sono costrette a figliare continuamente, e non appena sono meno “produttive” vengono macellate.

Un momento di grande sofferenza per le pecore è quello della tosatura, durante il quale vengono maneggiate molto rudemente dai tosatori, e spesso rimangono ferite durante l’operazione. Nelle razze più pregiate viene procurata una ferita circolare attorno all’ano, in modo che con la cicatrizzazione si crei una zona che separa la lana dall’ano, e la lana non si sporchi.

L’Italia è uno dei pochi paesi al mondo che consuma carne di cavallo. I cavalli arrivano dai paesi dell’est dopo una vita di duro lavoro, con viaggi estenuanti in condizioni infernali, per venire infine ammazzati nei nostri macelli.

allev. galline